La materia dell’anno

Vediamola così.

Quest’anno a scuola si farà una materia nuova. Anche se non prevista dal PTOF e non inserita formalmente nei percorsi curricolari approvati nei collegi docenti, inevitabilmente in aula si tratterà tutti i giorni un argomento che potremmo chiamare “SICUREZZA COVID-19”, ma che ognuno potrà ribattezzare a modo suo, a seconda della competenza e della fantasia: “MISURE DI CONTRASTO DELLA DIFFUSIONE DEL SAR-COV-19”, “PROTOCOLLI ANTICONTAGIO”, “PREVENZIONE SANITARIA” o più divulgativamente “OCCIO A VIRUS”.

Sarà una materia trasversale che si infilerà in tutte le lezioni, sarà sviluppata prevalentemente con didattica esperienziale e con continue esercitazioni laboratoriali, ma certamente avrà bisogno di qualche base teorica. Non avrà un suo libro di testo ma tanti documenti informativi, distribuiti o affissi, che verranno integrati, adeguati e calibrati nel corso del tempo. Ne abbiamo preparato uno, breve e qualitativo, giusto per (ri)partire, e l’abbiamo chiamato “RIENTRIAMO A SCUOLA IN 10 PASSI”. È pensato con l’ottica del RSPP che per una volta si rivolge direttamente a loro, ragazzi e ragazze, bambine e bambini che finalmente stanno per tornare in aula. E che, a scanso di equivoci, ci torneranno come sempre per imparare, crescere, maturare, anche e soprattutto per la particolarità di quest’anno.

“SICUREZZA COVID-19” sarà quindi una materia di notevole impatto e di immediata applicazione, coinvolgerà le famiglie come difficilmente riescono a fare le “materie normali” e aprirà un varco in un’area tematica più ampia, che potremmo chiamare “SALUTE PUBBLICA”, la quale a sua volta può essere ricondotta ad una delle discipline più strutturali, determinanti e sottovalutate del mondo scuola, l’”EDUCAZIONE CIVICA”.

Vediamola così: il problema sanitario esiste, l’opportunità educativa và colta e coltivata.

Non serve scomodare Albert Einstein per osservare che le crisi sono (anche) delle benedizioni, che portano progressi, creatività e scoperte, che fanno emergere il peggio e il meglio di ognuno.

Non serve Einstein, è sufficiente una scuola.

Pubblicato da Alberto Vicentin

Dal 1972 (cioè dall'inizio) residente a Brendola, nella provincia vicentina. Ingegnere chimico, consulente ambientale, giornalista pubblicista e... mi piace scrivere (www.spuntidivista.blog)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: