Acqua Uno, campo di regata Fiumicello Brendola

Che anno corresse non saprei dirlo con esattezza. Eravamo da qualche parte negli anni ottanta. Per certo era metà agosto.La regata si svolgeva controcorrente, partenza giù a valle in direzione della campagna, dal ponte della ex carrozzeria, e arrivo sotto il ponte del Fiumicello Brendola in centro a Vo’. Che poi, in quei giorni, eraContinua a leggere “Acqua Uno, campo di regata Fiumicello Brendola”

Per tutti, e non per tutti

La storia di questo articolo inizia con un equivoco. Di quelli che popolano in continuazione il frenetico chiacchiericcio social e che, se assecondati, distolgono dai fatti, distorcono le idee ed aizzano le parti. Insomma è andata così. Una sera di febbraio mi imbatto su un post di Nicolò, appena tornato dalla Bosnia, un post cheContinua a leggere “Per tutti, e non per tutti”

Quello che possiamo imparare in un sabato pomeriggio

“Ho una proposta da farti”: quando una telefonata di Andrea Michelin, socio di Piano Infinito, instancabile organizzatore (per lo più dietro le quinte), esordisce così si può star certi che ha in mente qualcosa di interessante e di altrettanto impegnativo. “Organizziamo la presentazione di un libro, un sabato di aprile, tardo pomeriggio. Ci stai?” SoloContinua a leggere “Quello che possiamo imparare in un sabato pomeriggio”

Tre anatre e un pesce

Oggi la Risarola si è spenta. Un lento affievolirsi della corrente, un graduale riemergere dell’alveo, prima i piedi degli argini, poi via via isole e penisole di fondale, ed oggi si è fermata del tutto. Com’era successo nell’estate di diciannove anni fa, quella volta che incontrai le tre anatre e il pesce. Come non eraContinua a leggere “Tre anatre e un pesce”

Fuochi e fumi in aula magna

Entrano che sembrano in gita. Fluiscono in gruppo tra porte e file di sedie come a cercare un covo. Parlamentano in un incessante sottofondo di brusii e squilli. Prendono posto con un loro ordine logico, determinato, per quanto imperscrutabile. E così siamo pronti: tre classi di prima media (sì, giusto, secondaria di primo grado), unaContinua a leggere “Fuochi e fumi in aula magna”

Il conto, prego

Pausa pranzo al bar, come una volta, tra un corso e un sopralluogo.Sullo schermo appeso alla parete, volume basso per non disturbare ma non abbastanza da nascondere, racconti di bombe, ospedali pediatrici e macerie.Al tavolo vicino voci nervose, indignate, parole di dura condanna e rivendicazioni di giustizia per gli aumenti dei prezzi del carburante.Nel cellulareContinua a leggere “Il conto, prego”

La lontra che non c’è

Da queste parti la lontra s’incontra spesso. All’ingresso di un palazzo antico che ospita un museo, nell’insegna di una trattoria e sul manifesto di un evento, nei segnavia e nelle targhe che raccontano i luoghi, nei libri di storia locale e nelle locali storielle di strada. Eppure da queste parti la lontra non c’è. OContinua a leggere “La lontra che non c’è”

WA(iting fo)R

“Pazzesco, Vladimir, chi l’avrebbe mai detto? Sta succedendo ancora!”“Succederà sempre, Estragon, ancora e ancora. Finché morte non ci separi. Tutti.”“Ma allora, Didi, la storia non ha insegnato proprio nulla!”“La storia da sola non è mica in grado di insegnarsi, Gogo.”“E a che servono millenni di errori e progressi?”“Non è la storia a insegnare, è chiContinua a leggere “WA(iting fo)R”

Rifiuti da un quarto di secolo

Ci sono date che ti si imprimono addosso e poi risuonano ogni anno come anniversari. Spesso incomprensibilmente e inconsapevolmente, a volte per ragioni che, prese in assoluto, appaiono del tutto inconsistenti.Ecco, a me capita con il 5 febbraio. Quasi imbarazzante nell’impersonalità delle sue ragioni, eppure capita.Ammetto che non sempre focalizzo subito le radici di questaContinua a leggere “Rifiuti da un quarto di secolo”

Bruno e il cane che salì sul Mulaz

“Com’è il sentiero? Possono farlo anche i comuni mortali?”“Ma sì, cosa vuoi che sia. Andate, è un bel giro. No come i soliti giretti che fate voi.”“Proprio fin su in cima in cima, a 2.900? Non è per montanari esperti?”“Ma no, figurati. Una passeggiata per tutti. Ascolta, poco dopo il passo Mulaz invece di scendereContinua a leggere “Bruno e il cane che salì sul Mulaz”