Silenzio di nebbia

“Guarda avanti. Cosa vedi?”
“Nulla. Non si vede niente.”
“Guarda meglio, dimmi cosa vedi.”
Silenzio di aria infranta sul parabrezza e pneumatici che raschiano l’asfalto.
Poi:
“Vedo… nebbia, parecchia.”
“Nebbia sì. Solo quella?”
“E un po’ di strada.”
“E basta?”
“E basta.”
Silenzio di motore a basso regime e qualche colpo di tosse.
Poi:
“Cosa fanno secondo te?”
“Eh? Di chi parli?”
“Delle cose che vedi.”
“Della nebbia e della strada?”
“Sì, secondo te cosa fanno?”
Silenzio di dossi, avvallamenti e scricchiolii dell’abitacolo.
Poi:
“Boh, forse la nebbia inghiotte la strada.”
“Oppure?”
“Oppure?”
“Non è che magari sia la strada ad attraversare la nebbia?”
“Ma la strada è ferma.”
“Pure la nebbia è ferma.”
“In effetti.”
Silenzio di terra umida e sole nascosto.
“E insomma, cosa vedi là davanti?”
“Un po’ di strada, e nebbia, parecchia.”
“E noi qui a guardare.”
“Per forza, altrimenti non si vedrebbe niente.”
“Ah, ecco!”
Silenzio di nebbia.

Pubblicato da Alberto Vicentin

Dal 1972 (cioè dall'inizio) residente a Brendola, nella provincia vicentina. Ingegnere chimico, consulente ambientale, giornalista pubblicista e... mi piace scrivere (www.spuntidivista.blog)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: