Limite

Maestro, c’è un limite oltre il quale, di fronte ad un ingiustizia, non si può più lasciar correre, bisogna agire, perché restare indifferenti e passivi equivale ad essere complici?”
“Quel limite c’è, ragazzo mio, ed è dentro di te.”
“E come faccio a riconoscerlo, maestro, come faccio a capire che l’ho raggiunto?”
“È tutto dentro di te, solo tu puoi sentirlo, ma posso dirti che, se te lo stai chiedendo, vuol dire che quel limite l’hai già superato”

Pubblicato da Alberto Vicentin

Dal 1972 (cioè dall'inizio) residente a Brendola, nella provincia vicentina. Ingegnere chimico, consulente ambientale, giornalista pubblicista e... mi piace scrivere (www.spuntidivista.blog)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: